Visualizzazioni totali

martedì 25 novembre 2014

CRITICHE DI ANTONIO BEVILACQUA ED I GRILLINI AL CONSIGLIO COMUNALIE PER LA TASI(TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI)



Critiche dei grillini al consiglio comunale per la TASI

IL DOTTOR ANTONIO BEVILACQUA
 
AVANGUARDIA DEI GRILLINI

PIETRAPERZIA. “Tasi: quanti errori che costeranno cari a tutti noi; in arrivo la nuova tassa sulla casa”. Con questo aforisma i grillini hanno aperto il loro documento di critiche al consiglio comunale pietrino.
In una comunicazione a tutto il paese i grillino scrivono: “I cittadini più attenti ricorderanno che qualche tempo fa il Consiglio Comunale non ha deliberato sulla TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili). Questa scelta di non votare, rivendicata dai consiglieri di opposizione (all’epoca già maggioranza in Consiglio), ha avuto diverse conseguenze: la prima delle quali è che si applica l’aliquota base dell’ 1 x l000 stabilita dalla legge. Tuttavia, se il lodevole obiettivo dei consiglieri di opposizione era quello di abbassare l’aliquota proposta dal gruppo Emma avrebbero fatto meglio a votare. Votando, infatti, si poteva stabilire l’attuale aliquota dell’1 x lOOO e addirittura la si poteva azzerare totalmente!”.
“Votando, inoltre, - continuano i grillini - si sarebbero evitate le seguenti conseguenze negative per i cittadini; infatti: 1) A causa della mancata votazione a dicembre dovremo pagare tutta la ‘TASI e non avremo la possibilità di dividere il pagamento in due diverse rate. 2) Inoltre la scadenza di questa tassa coinciderà con quella dell’IMU e quindi, cari
pietrini, oltre al danno la beffa di dover pagare tutto e subito. 3) Inoltre la TASI si pagherà senza agevolazioni che si potevano ottenere soltanto con la votazione del Consiglio Comunale”.
“Molto probabilmente – concludono i grillini -  nessun consigliere comunale al momento della mancata deliberazione immaginava le conseguenze di quella scelta. Tuttavia questa mancata conoscenza della normativa di legge la sentiranno gravemente i cittadini. Urge, infine, segnalare all’Ufficio Tributi la presenza di un errore nel regolamento TASI e precisamente all’art. 4.4 co. 5. Infatti in mancanza di deliberazione del consiglio comunale, l’occupante versa la TASI nella misura del 10 (e non del 30) per cento dell’ammontare complessivo della TASI”.
Giuseppe Carà

COMMEMORAZIONE DEI CADUTI DELLE DUE GUERRE MONDIALI. CITTADINANZA ONORARIA AL LUOGOTENENTE GIUSEPPE GIULIANA



Commemorazione dei Caduti per la Patria. Cittadinanza onoraria a Giuseppe  Giuliana
 
LE RAPPRESENTANZE

IL SINDACO VINCENZO EMMA DEPONE LA CORONA AL MOMUMENTO DEI CADUTI

PIETRAPERTZIA. Domenica mattina si è celebrata la commemorazione dei caduti per la patria nelle due guerre mondiali, per i quali sono stati realizzati due sacrari, tra cui brilla per particolare solennità il Parco della Rimembranza. Nel contesto della celebrazione il sindaco Vincenzo Emma ha insignito della cittadina onoraria il maresciallo capo  Giuseppe Giuliana consegnandogli una pergamena dove tra le motivazioni si legge: “Per la sua indiscussa  dimensione antropologica che lo ha reso gradito alla comunità pietrina e quindi darà lustro ai concittadini  che saranno orgogliosi  di annoverarlo tra propria gente”.
L’evento celebrativo è stato organizzato dal sindaco Vincenzo Emma, dallo società combattenti e reduci, e dalle delegazioni  provinciali della “Guardia di Onore alle reali tombe del Pantheon” di Agrigento guidata dal delegato Pino Iacona, Caltanissetta guidata da Enzo Falzone, ed Enna guidata da Enzo Restivo. L’organizzazione tecnica è stata coordinata dal segretario del sodalizio Filippo Miraglio.
       Dopo la prolusione del sindaco le lezioni magistrali sono state tenute dall’insegnante Giovanni Culmone ed il dottor Salvatore Palascino.  
       Tra gli ospiti l’on. Luisa Lantieri, il vice presidente dei combattenti di Enna Giuseppe Regalbuto, i presidenti dei quattro sodalizi Michele Ferrera, Salvatore Amato, Fabio Calì,  Giovanni Bongiovanni; presenti alche i responsabili di tutte le associazioni; il luogotenente Giuseppe Castrovillari,  l’ispettore forestale Filippo Emma; la presidente del consiglio comunale Rosa Maria Giusa, gli assessori, Giusy Rindone, Catena Scivoli, Salvatore Messina ed un nutrito gruppo di consiglieri comunali. Per la polizia municipale Gino Stringe, Giovanni Falzone e Calogero Russo.
       Alle 11, 30 è stata celebrata una santa messa in suffragio dei caduti nella parrocchia Santa Maria, con le invocazioni per i fedeli che sono state lette la maestro corale Pino Amico, maresciallo maggior nell’esercito.
       E’ segui un corteo di elevata qualità e molto partecipato con due corone che sono stati posti nei due sacrari.
Ha partecipato gratuitamente la banda musicale del maestro Salvatore Chiolo. E’ stato fatto il restauro  dei due sacrari su iniziativa del maresciallo Giuliani Giuliana, che ha svolto servizio a Pietraperzia ed ora è stato promosso a Caltanissetta.
Giuseppe Carà

lunedì 24 novembre 2014

GARA DI COMPLETAMENTO DEL PALAPETRA



Gara di Completamento del Palapetra per circa due milioni di euro

IL PALAPETRA IN VIA DI ARRIVO

PIETRAPERZIA. “La Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana” e quella della “Comunità Europea” hanno pubblicato il bando di gara per il calpestamento del “Palapetra” nel territorio di Pietraperzia in contrada Bivio Luogo. Il metodo di gara e quello del Project Financing e la dicitura del bando afferma: “Gara europea a procedura aperta per l’affidamento in concessione della fornitura di arredi fissi, mobili e la progettazione esecutiva e la realizzazione di opere  di completamento e la gestione di una struttura polivalente per attività sportive, culturali di promozione di arte contemporanea sita nel comune di Pietraperzia denominata “Palapetra”.

“L’affidamento – dichiara il sindaco Vincezno Emma - avverrà mediante procedura aperta  e con il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa. Progettista dell’opera è l’architetto Maurizio Severino ed i lavori  iniziarono con un finanziamento dell’amministrazione provinciale di 300 milioni”.

“La provincia – dichiara l’assessore ai lavori pubblici Maria Giusy Rindone - tramite il presidente Pippo Monico ha fatto l’affidamento al comune di Pietraperzia sotto la sindacatura del dottor Vincenzo Emma, che porta la bandiera del completamento con un finanziamento di circa due milioni. Per i i finanzianti sono previsti due intereventi: uno dall’Unione Europea di 1350 mila euro; mentre la rimanente somma sarà integrata dai privati. E’ previsto anche uno svincolo che immetta nella strada statale il cui costo è di 350 mila euro”.  

       “I lavori della colossale opera – afferma l’inquilino del palazzo di città - che prevede duemila posti  cominciarono nel 1991 sotto l’assessore provinciale Saro Bauccio e Stefanizzi presidente della provincia. Con il presidente Termine si arrivò a mille 500 milioni di lire e poi vi sono stati altri interventi che hanno spostato l’apertura.

       Il costo globale dell’opera è stato di circa sette miliardi di lire e vi sono state parecchie perizie di varianti. Certamente è un’opera colossale che oltrepassa i limiti provinciali. In Sicilia costituisce un punto di riferimento. Con questo sistema di gara si avrà il completamente ed anche la gestione”.

Giuseppe Carà

sabato 22 novembre 2014

UN ALTRO POLO PER LA CONQUISTA DEL PALAZZO DI CITTA'



Nasce il terzo polo in corsa per la conquista del  Palazzo di Città



L'ECLETTICA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO ROSA MARIA GIUSA

 
IL LEADER DEL TERZO POLO FRANCO DI CALOGERO CAPOGRUPPO DELL'OPPOSIZIONE AL CONSIGLIO COMUNALE

 PIETRAPERZIA. Nasce il terzo polo in corsa per la conquista del palazzo di città; terzo in ordine di tempo: il primo è quello del sindaco uscente Vincenzo Emma; il secondo è la scesa in capo dei grillini che hanno candidato il dottor Antonio Bevilacqua. Venerdì sera in una rigogliosa campagna di contrada Pozzillo dove si trova la villa gentilizia dell’architetto Paolo Sillitto, si sono riuniti le componenti dell’alleanza del patto di acciaio. Ha coordinato i lavori il capogruppo dell’opposizione consiliare Franco Di Calogero nella qualità di primus inter pares. Presenti  le varie delegazioni: per la delegazione della presidente del consiglio sono stati presenti: Maria Rosa Giusa, Vincenzo Calì, Michele Calì, Carlo Falzone e Giuseppe Panevino; la delegazione del Pd è stata formata dal segretario Antonio Di Gloria, Giovanni Barrile, Giuseppe Chiolo, Filippo Chiolo, Maurizio Di Gloria; del gruppo di Franco Calogero, tutti ex palasciniani: Franco Di Calogero, Eligio Guarnaccia, Salvatore Palascino; la componente del dottor Antonio Viola e Giuseppe Amico ha dato la propria adesione tramite comunicazione telefonica; si è cercato di coinvolgere il gruppo di Salvatore Calì dell’area provinciale di Giuseppe Regalbuto, ma non si è riuscito a contattarlo. Salvatore Calì che fu il consigliere più votato ha lasciato il  consiglio ma non ha dato comunicazioni ufficiale, ma che si è dimesso per motivi personali.
       Le delegazione hanno lavorato su tre punti: 1) Il programma elettorale sarà predisposti da tutti i partiti; 2) il candidato che guiderà la coalizione deve essere gradito a tutte le compenti; 3) Il segretario del Pd Antonio Di Gloria ha rivendicato la guida della coalizione per il suo partito; vi sono stati dei distinguo e la decisione è stata rinviata per il prossimo incontro che si farà domani alle ore 20.
       La presidente del consiglio, unica donna presente,  Maria Rosa Giusa alla fine ha dichiarato: “E’ stato un incontro molto costruttivo dove tutti hanno dato disponibilità per un cammino d’insieme per la conquista del Comune ed avviare una stagione di rinnovamento per la rinascita politica, sociale ed economica del paese”.
Giuseppe Carà