Visualizzazioni totali

venerdì 24 ottobre 2014

IL SINDACO ENZO EMMA HA DATO DISPOSIZIONE PER L'APERTURA DI TRE CANTIERI DI LAVORO, APPROVOTI CON DECRETO REGIONALE



Decreto di avvio di tre cantiere di lavoro


L'ONOREVOLE LUISA LANTIERI

PIETRAPERZIA. Autorizzato e finanziati tre cantieri regionali di lavoro. L’Assessorato Regionale della famiglia e delle politiche sociali e del lavoro il quattordici ottobre ha diramato il decreto di attivazione e finanziamenti dei lavoro.
       Il sindaco Enzo Emma dichiara:  “ I cantieri avranno la durata di tre messi e riguardano:  Manutenzione stradale e decoro urbano; Manutenzione verde pubblico; Custodia e pulizia parchi urbani”. “Gli uffici comunale del lavoro – dichiara l’assessore ai lavori pubblici -  hanno fatto la selezione degli operai che ne prevedono dieci per ogni cantiere. I cantieri prenderanno avvio la settima entrante perché abbiamo già fatto la selezione degli operai. Ogni cantiere avrà la durata di 75 giorni. Comunicheremo all’assessorato l’apertura dei cantieri. I nostri uffici sono stati molto solerti ed hanno fatto la sezione degli operai”. L’assessore Catena Scivoli afferma: 2Il nostro grazie va all’onorevole Luisa Lantieri che è stata prezioso per l’iter regionale della paratica di approvazione”.
“Custodia e pulizia parchi urbani” ha come responsabile del procedimento Giovanni Carmelo Zarba; gli operai selezionati sono: Davide Sollima, Luigi Amaro, Martina Salvaggio, Amedeo Napoli, Nunzio Ferro, Alfredo Amico, Filippo Trubia, Giuseppe Falzone, Filippa Tisa, Stella Sanguedolce. La somma stanziata è 19,658. I lavori previsti sono: Apertura e chiusura del parco della rimembranza negli orari che attualmente rimane chiuso, la manutenzione con zappatura. l’estirpazione delle erbacce, il rifascio delle siepi, il taglio dei rami secchi dagli alberi e l’eventuale potatura ornamentale. Inoltre stesse persone verranno impiegate per rinnovare la verniciatura esistente tramite la rimozione della vernice vecchia, la prima mano di antiruggine e due mani successive di smalto idoneo alla tipologia di ferro.
- Il cantiere “Manutenzione verde pubblico” ha come responsabile del procedimento il geometra Rocco Vinci; gli operai selezionati sono: Valentina Ristagno, Filippo Femminile, Salvatore Marotta, Robert Toscano, Gianfilippo Messina, Filippo Zarba, Patrizia Ferro, Filippa Caffo, Liborio Paci, Calogero Crisafi, Antonino Messina,  Vittoria Nocilla. L’assessorato ha stanziato la somma di 21 mila e 589 euro. I lavori previsti sono: Manutenzione del verde pubblico, le lavorazioni ordinarie reputate fabbisogni essenziali e perciò ricomprese negli interventi di manutenzione ordinaria come: Io sfalcio dell’erba, la potatura di siepi come arbusti, cespugli, il diserbo, il taglio e la triturazione della vegetazione spontanea di banchine e fossati adiacenti a strade, l’asportazione delle foglie dai tappeti erbosi nei parchi e nei giardini.
-Il cantiere “Manutenzione stradale e decoro urbano” ha come responsabili del procedimento il geometra Antonio Russo; gli operai selezionati sono: William Termine, Luca Pagliaro, Mario Amico, Ermelinda Costa, Ilenia Cutaia, Francesco Sanguedolce, Alessio Russo, Cosima Amoroso, Giovanni Siciliano, Santa Viola, Lucia Pagliaro, Giovanni Di Gloria. L’assessorato ha stanziato: 29 mila e 615 euro. I lavori previsti sono:manutenzione strade, ripristino dei dissesti del manto stradale, carenze della segnaletica e delle targhe toponomastiche, pericoli stradali non segnalati, interventi di adeguamento funzionale ai diversamente abili, realizzazione di rampe, realizzazione di marciapiedi, opere per la sicurezza, realizzazione di segna]etica orizzontale e verticale, pulizia e riparazione delle caditoie acque bianche, ripristino di canali di scolo acque piovane, rimozione delle erbacce dai marciapiedi, insomma, tutte quelle piccole opere che hanno un peso non indiffèrente per il decoro di una cittadina che si rispetti.
Giuseppe Carà

giovedì 23 ottobre 2014

ASSEMBLEA DIOCESANA DEI 101 PRETI, PRESIEDUTA DAL VESCOVO ROSARIO GESANA. 17 OTTOBRE 2014



Assemblea generale del clero

IL VESCOVO ROSARIO GISANA


PIAZZA ARMERINA. Si è svolta l’assemblea dei 101 sacerdoti della diocesi armerina nei locale del seminario estivo di Montagna di Gebbia. Ha presieduto i lavori il vescovo Rosario Gisana che ha sviluppato il tema: “Pastorali di condivisione e confronto”.

       “A distanza di sei mesi dall’insediamento - ha esordito monsignor Gisana - credo che sia necessario un confronto tra noi presbiteri. Esso potrà aiutare a riconsiderare gli orientamenti pastorali e a pianificare ciò che è davvero utile per la comunità diocesana”.

       Mons. Gisana ha indicato ai presbiteri cinque elementi fondamentali sui quali deve vertere l’impegno pastorale: 1)Primato della parola. L’ascolto della Parola di Dio è un aspetto fondamentale della vita di fede delle nostre comunità. Essa dovrebbe strutturare pastoralmente le attività diocesane e promuovere i cambiamenti che ad esse si correlano.

2. I nodi della pastorale della Chiesa: La pastorale dovrebbe ispirarsi ad alcune cose essenziali dell’evangelo. Vengono puntualizzati tre nodi: L’attenzione ai poveri; la prassi pastorale di Gesù è legata all’incontro con le persone; Gesù avvia la sua pastorale, guardando ai poveri e annunciando il regno di Dio. L’assillo maggiore per un pastore, oltre quello dei poveri, dovrà essere l’annuncio della Parola di Dio.

3) La fraternità presbiterale. L’impegno per la comunione è la base delle relazioni presbiterali. L’esercizio della concordia non soltanto realizza tra di noi la vera fraternità, ma permette altresì di essere incisivi nell’accompagnamento di fede delle nostre comunità.

4) La sinodalità: è uno stile di vita ecclesiale, tipico della chiesa antica. Quest’orientamento darebbe alla diocesi un’incisività pastorale sorprendente sia a livello spirituale che sociale ed economico. La gente infatti ha bisogno di essere sollecitata nella speranza; ciò accadrà se si decide camminare assieme. ”.

5) Il seminario: qui mons. Gisana ha messo in campo la sua visione scaturita dalla sua lunga esperienza di rettore del seminario di Noto. La presenza del seminario è per una diocesi non soltanto vitale, ma anche stimolante per ripensare il tipo di presbitero di cui oggi necessita la chiesa. L’amore verso il seminario dovrebbe essere una costante dell’essere presbiteri: interessarsi dei seminaristi con visite appropriate là dove essi vivono per motivi di studio, prendendosi cura del loro stato di vita, anche se non appartengono alla propria parrocchia.

Giuseppe Carà

DON SALVATORE GIULIANA ECONOMO DIOCESANO


Nomina del nuovo economo diocesano

 
DON SALVATORE GIULIANA SEGRETARIO DI DUE VESCOVI ECONOMO DELLA DIOCESI PIAZZESE

PIETRAPERZIA. Nel corso del ritiro mensile del clero della diocesi, svoltosi presso il Seminario estivo di Montagna Gebbia a Piazza Armerina, il vescovo Rosario Gisana, ha reso noto di aver nominato nuovo economo diocesano il reverendo don Salvatore Giuliana in sostituzione del diacono permanente Francesco Spampinato di Gela, che si è dimesso per raggiunti limiti di età. Il vescovo ha espresso il ringraziamento di tutta la comunità diocesana per il lungo e fedele impegno del diacono Spampinato e nello stesso tempo ha ringraziato don Salvatore per la generosa disponibilità nell’assumere l’oneroso e impegnativo incarico.
Don Salvatore è nato a Riesi ed ha 45 anni. E’ stato segretario particolare dei vescovi Vincenzo Cirrincione e Michele Pennisi.
          Fu ordinato sacerdote nella cattedrale di Piazza Armerina il 22 dicembre del 2002. In atto è parroco di due parrocchie piazzesi: Santa Maria di Itria e Santa Veneranda. Per parecchi anni è stato assistente diocesane dell’azione cattolica giovanile. Di spessore la sua dimensione mistica e di gran talento pastorale: è tra i parroci più stimato della diocesi.
Giuseppe Carà
 

ANTONIO BEVILACQUA SCENDE NEI QUARTIERI PER PROGRAMMA CON IL POPOLO



I Grillini scendono nei quartieri

I GRILLINI IN MEZZO AL POPOLO

PIETRAPERZIA. Ha preso avvio la lunga maratona di propaganda elettorale del Movimento 5 Stelle di Pietraperzia. I pentastellati hanno già espresso il proprio candidato alla carica di sindaco per le prossime elezioni amministrative individuandolo nella figura del giovane dr. Antonio Bevilacqua. “È nostra intenzione – ha dichiarato il candidato sindaco – costruire un programma elettorale con la partecipazione attiva di tutti i pietrini, tenendo in massima considerazione le esigenze che ci vengono rappresentate”.
       A questo fine – continua Antonio Bevilacqua – contiamo istallare dei banchetti settimanali presso tutti i quartieri del paese, in modo da presentarci personalmente ad ogni concittadino entro la fine di quest’anno”.
       Il “Tour dei quartieri” – questo il nome dato all’operazione di propaganda – è cominciato lo scorso fine settimana quando, nelle giornate di domenica e lunedì, il Movimento 5 Stelle ha incontrato gli abitanti del quartiere “Verga” ed i genitori degli alunni che frequentano l’omonimo plesso scolastico. Nell’occasione i pentastellati, forti di un gruppo di almeno quindici attivisti, hanno distribuito una lettera di intenti ed hanno ascoltato le richieste dei cittadini accorsi.
          Il giovane Davide Tumminelli afferma: “I genitori degli alunni della scuola lamentano il mancato avvio della mensa, le pericolose condizioni della palestra (che presenta vetri rotti ed una porta laterale sempre aperta) e l’assenza del servizio di scuolabus che a causa della mancanza di un autista comunale rimane fermo nei depositi comunali.
          “A ciò si potrebbe ovviare – ribadisce l’attivista Chiara Stuppia – dando incarico temporaneo ad un cittadino munito di apposita patente. Fra l'altro ci risulta che esiste una lista di possibili sostituti e non capiamo perché non venga chiamato nessuno di questi”.
         Il candidato sindaco avv. Bevilacqua conclude: “L'occasione è servita inoltre per raccogliere quasi 400 firme con cui si è detto no alla creazione di un centro raccolta rifiuti sugli attuali campetti da tennis, prospettato all’amministrazione. E proprio in questo luogo abbiamo riscontrato la presenza di materiale di risulta derivante dai lavori in corso presso il vicino cimitero che sembra che il Comune voglia usare per la costruzione di un parcheggio. Ricordo agli uffici competenti che questo materiale non può stare lì e che sarebbe dovuto finire in discarica. Si auspica che provvedano subito a rimuoverlo”.
Giuseppe Carà