Visualizzazioni totali

martedì 24 maggio 2016

"MUSICA E' VITTA" ASSOCIAZIONE MUSICALE FONDATA DALLA PROFESSORESSA TERESA RAPISARDI



Domani inaugurazione dell’associazione “Musica è Vita”; associazione fondata da Teresa Rapisardi


 TERESA RAPISARDI ALLA PIANOLA
 
PIETRAPERZIA. Domani alla 19,30 nei locali della Società Regina Margherita con uno spettacolo musicale verrà inaugurata l’associazione  " Musica è Vita! " fondata dalla professoressa Teresa Rapisardi.
        " Musica è Vita! " è una nuova Associazione culturale che nasce a Pietraperzia, con Atto costitutivo del 3 maggio 2016. I tredici Soci fondatori sono: Teresa Rapisardi, presidente; Annarita Lo Vecchio, vicepresidente; Salvatore Sillitto, consigliere  - cassiere; Maria Stella Sansone, consigliere; Carmela Russo, consigliere - segretario; Domenico Guarnaccia; Ornella Candolfo; Giuseppe Di Gregorio; Rosaria Giarrizzo; Pietro Rocco Palascino; Giovanna Bellomo; Caterina Anzallo; Concetta Ciulla.
“L' Associazione – afferma la Presidente Teresa Rapisardi -  si propone di promuovere, sviluppare, diffondere e valorizzare la cultura musicale nel mondo giovanile e non. Ci proponiamo come obiettivi fondamentali: 1) Formare gruppi corali: coro di voci bianche e  adulte; gruppi strumentali: orchestra giovanile e gruppi vari; 2) Favorire ed organizzare manifestazioni culturali, saggi, concerti; valorizzare e diffondere il folklore, usi, tradizioni.  3) Attivare iniziative musicali, culturali e ricreative anche in collaborazione con altre associazioni, con la scuola, il comune, la chiesa ed altre realtà presenti nel territorio; 4) Porsi come punto di riferimento per coloro che svantaggiati o diversamente abili possano trovare sollievo nelle varie sfaccettature ed espressioni della musicoterapia; 5) Ampliare la conoscenza della cultura musicale: Corsi di musica per bambini, per giovani ed adulti; organizzare convegni, conferenze, dibattiti, concerti ed altro. Queste ed altre ancora le iniziative in prospettiva”.
“Al momento – continua la presidente Rapisardi -   verrà continuata l'attività del coro di voci bianche “DO RE MI” che già è iniziata un anno fa. Tutti possono aderire all'associazione. Ciascuno con le proprie doti e capacità, non esclusivamente musicali, potrà partecipare con  nuove idee alla realizzazione di progetti futuri”.
Giuseppe Carà

RITROVATI MEZZI RUBATI IN UNA BRILLANTE OPERAZIONE DEI CARABINIERI



Ritrovati dai carabinieri mezzi rubati

CARABINIERI VIGILANTES

PIETRAPERZIA. Brillante operazione dei carabinieri  guidatidal luogotenente Giuseppe Castrovilli; infatti sono stati rivenuti un furgone distrutto e due auto contenenti oggetti malavitosi: oggetti da scasso, passamontagna, leve in  ferro ed altro. I tre mezzi, che risultano rubati, sono immatricolati nella limitrofa provincia nissena e sono stati rubati a Caltanissetta. Le due macchine entrambi “Fiat Uno” sono stati ritrovati nei paraggi del fiume Capodarso a circa 12 Km dal paese, andando verso Pasquasia. Invece in contrada Minniti è stato ritrovato il furgone un fiat “Fiorino”; questo era stato abbandonato nella tenuta del contadino N.C. di Pietraperzia e dato alle fiamme. I ladri del furgone hanno tagliato la recensione del podere ed hanno consumato l’operazione dell’incendio distruggendo completamente il mezzo. Contrada Minniti si trova a cinque Km dal paese ed appartiene al territorio di Pietraperzia. Per arrivare in  contrada Minniti si percorre la vecchia strada provincie, della quale è stato finanziato il rifacimento. Le indagine dei carabiniere sono state avviate a largo raggio e si pensa che i mezzi siano serviti ai malavitosi per mettere a segno qualche atto criminoso.  
       Intanto in paese sono state intensificate le iniziativa di prevenzione con la partecipazione della guardie di finanza,  le guardie forestali ed i vigili urbani.
Con questi controlli la malavita è stratta e quindi si ha un calo di iniziative criminali. Si sta indagando anche sul fallito colpo all’Unicredit del centro barresi.
Nel tentato colpo barrese i malviventi avevano piazzato una macchina di traverso all’uscita di Mazzarino.
Giuseppe Carà

RUBATO FIL DI RAME PER TRE KM NELLA LINEA PUBBLICA DA PORTELLA DI MATTEO E MARCATO BIANCO



Rubato fil di rame in una linea extra urbana per tre Km

 ZONA PORTELLA DI MATTEO

PIETRAPERZIA. Rubato fil di rame in una linea extra urbana per tre Km. Nella scorsa notte la banda del rame ha colpito nella zona agreste, facendo un colpaccio di almeno un quintale di fil di rame nella rete esterna ad alta tensione.
       I malviventi sono partiti dalla contrada Portella di Matteo e si sono fermati nella vallata di Marcato Bianco.  A Mattè (cosi viene intesa in vernacolo pirzisi) hanno lasciato al buio un campetto di calcetto molto avviato che appartiene alla cordata “Scaletta” e con fulminea celerità sono arrivati nella vallata. Si pensa che hanno portato via almeno un quintale di rame che venduto a mercato nero almeno dovrebbe rendere mille euro.
       La malavita si muove in due cordate: quelli degli scassi di appartamento o delle villette portando via anche roba mangereccia; i topi di appartamenti sono diventati così spavaldi che entrano nelle abitazione anche con la presenza degli inquilini e con bombolette spray addormentano le persone.
       Poi vi è la malavita di spessore che lavora con una economia più alta. Ricordiamo che ad un  corriere pietrino hanno sequestrato tre Kg di droga nei paraggi di Marcato Bianco. Inoltre è stato sequestrato un  capannone che cambiava le matricole alle macchine e quando fu scoperto dalle guardie di finanza vi era una cinquecento rubata nel catanese. Vi sono state rapine a mano armate come nella tabaccheria di Piazza Anzallo. Infine sono passati alle maniere brusche incendiando il portone di case del primo cittadino; poi hanno fatto lo sgarbo andando a divertere  i fiori che furono messe in aiuole nella giornata cittadina della legalità.
       Nonostante questo la miseria regna sovrana in paese; è aumentato l’accattonaggio ed inoltre il numero dei poveri che non riescono a pagare luce, gas ed altri orpelli. La vivibilità è diventata difficile in paese, che ha un  encefalogramma piatto.
Giuseppe Carà

sabato 21 maggio 2016

Corso Bimbi sicuri.



Corso Bimbi sicuri

Una classe con i dirigenti 

PIETRAPERZIA. Grande successo per il corso “Bimbi sicuri” proposto dalla Salvamento Academy  e dal centro di formazione A.S.D Project Diver di Enna, che porta avanti il progetto gratuitamente in tutta la provincia e non solo, svoltosi mercolì pomeriggio nella sala conferenze della Comunità Frontiera e che ha visto la numerosa partecipazione di mamme, nonne, maestre e zie. Il mass training è stato eseguito dal Dott. Stefano Corona Infermiere Professionale e Istruttore di BLSD della Salvamento Academy e dalla dott.ssa Irene Milano psicologa, specializzanda “in psicoterapia breve ad approccio strategico e  istruttore bimbi sicuri”. Il progetto “Bimbi sicuri” ha l’obiettivo di far emergere il bisogno di maggiore attenzione a tavola, in culla, in acqua, in strada, per ridurre a zero gli incidenti provocati dal non sapere, attraverso la massima divulgazione di queste informazioni, unite alle manovre di disostruzione pediatriche e a consigli utili per la sicurezza dal momento della nascita del bambino. L’assessore Laura Corvo ha dichiarato: Ringrazio la “Salvamento Academy”, in particolare il dott. Stefano Corona e la dott.ssa Irene Milano per l’impegno e la dedizione che mettono in un progetto così importante che ha il compito essenziale di istruire tutti coloro che stanno ogni giorno a stretto contatto con i bambini per far sì che possano essere capaci di intervenire prontamente ed evitare delle morti che grazie a delle semplicissime manovre possono essere evitate”. La dott.ssa Milano ringrazia il sindaco Antonio Calogero Bevilacqua  e tutta l’amministrazione comunale di Pietraperzia, soprattutto l’assessore Laura Corvo che ha subito accolto l’idea del progetto e si è spesa in prima persona per la riuscita dell’evento.
Giuseppe Carà

Concorso comunale di educazione ambientale


Concorso comunale di educazione ambientale

 Gli aluni cvon le aitotità


PIETRAPERZIA. Concorso di educazione ambientale indetto dal comune per le scuole. Il  concorso scaturisce a conclusione di un progetto che è stato portato avanti dall’istituto “Vincenzo Guarnaccia” ed è stato titolato “Fai La Cosa Giusta”.
       Quattro le piste del concorso su cui gli alunni si possono cimentare: A) “Ci deve essere un modo migliore per fare le cose che vogliamo, un modo che non inquini il cielo, o la pioggia o la Terra”. B) “Credo che avere la Terra e non riviverla sia la più bella forma d’arte che si possa desiderare”. C) “Chi può negare che l’ambiente è distrutto?”. D) “Ogni individuo ha il potere di fare del mondo il posto migliore”
       La tecnica espressiva proposte dall’amministrazione comunale tramite l’assessore alla pubblica istruzione Laura Corvo sono: brano poetico;  realizzazione grafica - pittorica; una creazione multimediale (power point); fotografia pertinente.
       La partecipazione al concorso può essere o a livello individuale o a livello collettivo. La partecipazione è stata aperta anche ai giovani adulti con partecipazione individuale.  
       La sezione della premiazione è stata divisa in quattro settori: 1) Settore Giovani e Adulti; 2) Settore alunni di secondaria 3ª, 4ªe 5ª; 3) Settore scuola primaria classe 3ª, 4ªe 5ª; 4) Settore infanzia e primaria, classi 1ª e 2.
       Gli elaborato dovranno essere insegnati ai propri insegnati e devono riportare dovrà riportarsi il nome del singolo autore o la classe con l’insegnante referente, ed il titolo dell’opera. Il materiale tramite il dirigente scolastico Antonio Amoroso sarà trasmesso alla segreteria comunale.
       La premiazione degli elaborati è stata fissata dal sindaco Antonio Bevilacqua per il giorno 31 maggio alle ore 18 con solenne cerimonia al chiostro di Santa Maria; mentre gli elaborati premiato saranno pubblicato nel sito del comune con l’encomio del sindaco. Per ogni settori è stato previsto un primo premio. Referenti per il concorso sono l’assessore alla pubblica istruzione Laura Corvo e l’insegnante di talento Anna Maria Fallica.
       Giuseppe Carà