Visualizzazioni totali

sabato 21 gennaio 2017

NUOVO ASSETTO DEL CLERO PIETRINO 22 GENNAIO 2017


Cambiamenti nel clero e nelle parrocchie  pietrine

Osvaldo Brugnone
 Angelo Ventura

PIETRAPERZIA. Cambiamenti e promozione nella realtà ecclesiale pietrina. Coinvolti monsignor Giuseppe Rabita, don Osvaldo Brugnone e don Angelo Ventura.
I Vescovi di Sicilia hanno nominato don Giuseppe Rabita direttore della segreteria pastorale. Monsignor Rosario Gisana ha nominato don Osvaldo Brugnone parroco della chiesa madre e don Angelo Ventura parroco della Madonna delle Grazie.
Don Giuseppe Rabita è nato a Pietraperzia nel 1956 ed è stato ordinato nel 1986. Ha svolto gli studi presso la facoltà teologica di Sicilia a Palermo dove ha conseguito la Licenza in Teologia e poi a Roma presso lo studio paolino
internazionale della Comunicazione Sociale e la Pontificia Università Gregoriana, ha conseguito il dottorato in scienze delle comunicazioni.
Ha insegnato Teologia dogmatica e Comunicazioni Sociali presso l’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Mario Sturzo” di Piazza Armerina e Gela. È stato segretario di mons. Vincenzo Cirrincione dal 1986 al 1992, vicario parrocchiale di S. Antonio e SS. Crocifisso in Piazza Armerina e dal 1996 Parroco della Chiesa Madre di Pietraperzia. Giornalista pubblicista, ha fondato e dirige fin dal 2007 il settimanale diocesano “Settegiorni, dagli Erei al Golfo”. È membro del consiglio presbiterale e del collegio dei consultori. Per la Cesi svolge da diversi anni l’incarico di direttore dell’ufficio stampa.
Don Osvaldo Brugnone da parroco della Madonna delle Grazie viene promosso alla Chiesa madre di Pietraperzia. Attualmente   è vicario foraneo del paese.  Il clero locale gli ha affidato la responsabilità della consulta giovanile cittadine che  ha avuto un dinamismo apostolico.
Osvaldo William Brugnone è nato a Piazza Armerina il 04 settembre 1985. Entrò in seminario vescovile maggiore il 27 settembre 2004 ed il 30 ottobre 2010 è stato ordinato diacono. Ha conseguito presso la facoltà teologica di Sicilia "San Giovanni Evangelista" il Baccellierato in Sacra Teologia ed attualmente sta frequentando la facoltà di psicologia alla Kore di Enna.  Don Osvaldo a Pietraperzia ha conquistato la stima del mondo cattolico ed è spesso chiamato per predicazione di lungo corso e qualità.
       Don Angelo Ventura vice parroco della Chiesa Madre di Gela dal vescovo Rosario Gisana è stato nominato parroco della parrocchia delle Madonna delle Grazie di Pietraperzia
Don Angelo Ventura, classe 1980, giovane sacerdote  proveniente dalla grande realtà gelese raggiunge un piccolo paese  ed ha a cuore la realtà giovanile. Abituato al lavoro di rete e alla comunione tra parrocchie e realtà parrocchiali, si è già mostrato attento e volenteroso! Chiedendo di conoscere le varie realtà giovanili pietrine è venuto a contatto con molte di esse: si è presentato ad esse con gentilezza e propositività! Ponendosi non come "eroe" ma come strumento nelle mani di Dio e a disposizione della comunità in cui è chiamato a svolgere il suo ministero! E’ stato ordinato il 19 aprile 2009 nella cattedrale piazzese dal vescovo Michele Pinnisi.
Giuseppe Carà

Decolla il Carnevale Pietrino



Decolla il Carnevale Pietrino


 Franco Cigna

PIETRAPERZIA. Decolla il “Carnevale Pietrino” con la presenza di tutte le realtà residenti nel territorio. Anche l’amministrazione comunale  con una nota invita tutte le forze propositive della comunità locale a partecipare attivamente alla rinascita del “Carnevale Pietrino”.
La giunta comunale ha deciso di incentiva la presenza di partecipazione invitando le persone ad animare piazza Vittorio Emanuele ed invitando le persone a vestirsi in maschera; inoltre sono state previsti dei premi incentivanti; quindi verranno concessi dei premi ai gruppi più belli. Sono stati decisi dei compensi incentivanti cosi strutturati: Pei il primo posto €300, per il secondo posto €200, per il terzo posto €100. Chi vorrà aderire a questa iniziativa deve presentare al Comune di Pietraperzia un progetto di manifestazione d’interesse in carta semplice evidenziando il nome del gruppo, il numero dei partecipanti (non inferiore alle 15 unità), un elenco dei nomi delle singole persone e il tema del gruppo stesso. Inoltre, pena l’esclusione della concessione del contributo, tutti coloro che decideranno di aderire hanno l’obbligo di presentarsi in piazza nei giorni di carnevale cioè giovedì 23, sabato 25 e martedì grasso 28 dalle ore 18:30 fino a conclusione della serata.
       Già hanno dato l’adesione la Pro Loco, L’Archeoclub, Sicilia Antica, Associazione Anziani Sempre Giovani, Il gruppo folcloristico  e l’istituto comprensivo che ha predisposto una sfilata per il giovedì grasso con degli maschere. Sono stati previsti premi per le classi che presentano il miglior soggetto.
       Per la circostanza è arrivato un invito dal parte del vice presidente del gruppo anziano dottor Franco Cigna invitando i cittadini ed associazioni a non organizzare gruppi che vadano fuori in periodo di carnevale. L’anno scorso nel momento clou di Re Burlone furono organizzati otto pullman per andare a visitare i carnevali di Sicilia come Sciacca, Acireale e Paterno.
In conclusione afferma Franco Cigna: “E’ giusto che si dia spessore al Carnevale Pietrino. Apprezziamo la società “Regina Margherita” che ha organizzata una serata per i bambini prevedendo premi ed animazione, grazie al presidente Fabio Calì”.
Giuseppe Carà    

mercoledì 18 gennaio 2017

Lavoratori RSA in alto mare. Cooperativa lascia. 18 Gennaio 2017



Lavoratori RSA in alto mare. Cooperativa lascia
Incontro di concertazaione 
con il presidente del consiglio
 ing. Rocco Miccichè
RSA FLAVIA MARTINEZ


PIETRAPEZIA. Futuro incerto per i 28 lavoratori della RSA. La cooperativa "Primavera" di Bivona che gestisce il servizio ha comunicato che il 31 gennaio prossimo lascia il lavoro per impraticabilità di prezzi.

I lavoratori a primo contratto nella firma avevano scadenza al 31 dicembre scorso. La cooperativa ha dato una proroga di un altro mese. La comunicazione della cessazione del lavoro della cooperativa è stata ufficializzata all’ASP (Azienda Sanitaria Provinciale) di Enna ed alle organizzazioni sindacali sanitari CGIL, CISL, UIL. La cooperativa iniziò il lavoro nella struttura della RSA il primo agosto  scorso ed aveva un contratto triennale ed un anno di eventuale proroga; quindi avrebbe avuto la gestione fino al 31 luglio del 2020. La situazione si evolve con l’affidamento del lavoro alla seconda ditta che nella gara arrivò seconda cioè la cooperativa “Euronia” di Cerami. Per l’Asp responsabile di vigilanza sul contratto e sulla gestione della struttura è il direttore del distretto sanitario di Piazza Armerina dottor Piero Nocilla.

       In atto la RSA (Residenza, Sanitaria, Assistita) di Pietraperzia ha 40 posti letto, mentre gli ospiti presenti in atto sono 35.

       Da mesi i levorotatori della RSA sono in agitazione per i problemi del contratto ed hanno contestato alla cooperativa: 1) Il contratto da tempo indeterminato è passato a tempo definito. 2) Il numero delle ore mensili da 162 ore è passato a 140,ma praticamente  120. 3) Situazione di grave disagio per gli utenti perché i lavoratori per turno sono insufficienti.

Si è cercato di avviare un dialogo di concertazione. C’è stato un incontro al distretto coordinato dal dottor Piero Nocilla con la presenza dei rappresentati della ditta, dei lavoratori e dei sindacati e si è arrivati alla rottura tra le parti. A livello locale vi è stato un incontro tra i lavoratori ed il sindaco Antonio Bevilacqua ed un altro con il presidente del consiglio comunale Rocco Micciche; inoltro vi è stato un consiglio comunale ad hoc; si è avuto un  incontro con il prefetto. Inoltra l’onorevole Mario Alloro ha cercato di avviare la concertazione con il presidente della Regione Rosario Crocetta e con l’assessore regionale della Salute Baldo Gucciardi. In questo cammino tra le partiti vi è stata un’ostile ed inconciliabile dicotomia. Per descrivere la lotta che si è creata con il gestore, i lavoratori hanno coniato  l’aforisma, “Selvaggio Libero Arbitrio” cioè sono state fatte scelta dalla cooperativa in modo unilaterale senza concertazione con i sindacati.

La struttura è aperta da 15 anni e le ditte che si sono  succedute sono:  Asmida di Apollonio Bruno, Consorzio Sisifo, Azione Sociale di Luigi Berretta. Come di consueto  i rappresentanti sindacali di concertazione sono: Giovanni La Valle per la CGIL, Marco Ferro per la CISL, Giuseppe La Marca per la SAPMI - CONFSAL .

I 28 lavoratori della struttura lamentano che le decisioni sono state prese in maniera unilaterale e tutti i tentativi di dialogo sono andati perduti.

Giuseppe Carà

Cammino di Preparazione al matrimonio. Parocchia Santa Maria. Parroco monsignor Giovanni Bongiovanni . Inizio 8 gennaio 2017



Cammino di Preparazione al matrimonio

 Corsisti per il Matrimonio

PIETRAPERZIA. E’ iniziato il cammino di preparazione al matrimonio nella parrocchia Santa Maria di Gesù ed ha valenza cittadina. Sono previsti otto incontri e si tengono ogni domenica alle ore 19,30. Direttore del corso è monsignor Giovanni Bongiovanni, mentre la coppia animatrice è formata dagli sposi Calogero Falzone e Rina Di Pietra, responsabili del “Movimento Famiglie” in parrocchia.
       Le tematiche degli otto incontri sono: 1) “Riuscire a conoscere il mistero dell’altro attraverso il mistero di noi stessi” che sarà tenuto da monsignor Bongiovanni e dalla coppia animatrice; 2) “L’arte di comunicare: il dialogo nella coppia“ tenuto dal parroco  don Osvaldo Brugnone e coppie animatrici. 3) “Il sacramento del matrimonio, una via all’unione con Dio” tenuto  dal  parroco  Giuseppe Rabica; 4) “Il disegno di Dio sul matrimonio e sulla famiglia: Dall’Antico al Nuovo Testamento” tenuto da mons. Luca Crapanzano; 5) “ La sessualità come relazione: Le ragioni della Chiesa nell’etica sessuale” tenuto da Don Giovanni Messina; 6) “La sessualità come relazione: I metodi naturali per una procreazione responsabile”  tenuto dal  dott. Enzo Maurici. 7)   “Il matrimonio sacramento: Liturgia del matrimonio”  tenuto  da monsignor Bongiovanni; 8) “ Se radicheremo in Dio il nostro amore”, tenuto da Coppie Animatrici. A conclusione del corso è prevista una giornata di spiritualità al Santuario della Madonna della Cava.
Sono 16 le coppie partecipanti al corso: Gianluca Santonocito e Federica Bonelli, Fabio Cannata e Ilenia Aiello, Antonino Costa ed Annamaria Viola, Antonino Vinci ed Ivana La Mattina, Calogero Inserra e Federica Bongiovanni, Agatino Fontanazza e Rosa Scozzese, Giovanni Fabio e Morena Ligambi, Michele Ciulla e Loredana Di Gloria, Claudio Amico e Valentina Siciliana, Alessandro Calì e Lucia Miccichè, Calogero Costa e Filippinuccia Ippolito,  Alberto Monica e Desirée Giarrizzo, Giovanni Toscano e Marianna Avola, Tommaso Di Pietro ed Ilenia Di Perri, Simone Di Gloria e Sara Messina, Rocco Buttiglieri ed Oriana Taibi.
Giuseppe Carà

lunedì 16 gennaio 2017

Consiglio comunale: nomina commissione cimiteriale.


Consiglio comunale: nomina commissione cimiteriale
Il Presidente del Consiglio Comunale
Ing. Rocco Miccichè 

 PIETRAPERZIA. Il consiglio comunale ha istituito la commissione cimiteriale secondo quando previsto dal regolamento precedentemente approvato.
 La commissione viene designata dal consiglio e viene ratificata dalla giunta municipale. La commissione è formata da sette membri:
 il sindaco pro tempere o da un assessore da lui delegato che la presiede. quattro rappresentanti del consiglio comunale dei quali due assegnati alla minoranza: per la maggioranza sono stati nominati Filippo Bevilacqua e Salvatore Messina, mentre i membri della minoranza sono Calogero Di Gloria ed Antonio Viola. c) un funzionario comunale addetto alla gestione del cimitero e delle concessioni cimiteriali, senza diritto di voto, avente altresì funzioni di verbalizzate e è stato designato il geometra Giovanni Zarba. d) Dall’ufficiale sanitario locale pro tempore che è il dottor Giuseppe Nicoletti.
La  delibera è stata votata all’ unanimità con i voti: per la maggioranza Rocco Miccichè che ha presieduto il consiglio, Chiara Stuppia, Michele Giusto, Vincenzo Buttiglieri, Lillo Falzone, Salvatore Messina, Filippo Bevilacqua, Tiziana Crisafi, Daniele Quartararo e Patrizia Friscira; per la minoranza hanno dato voto positivo Calogero Dio Gloria, Silvia Romana, Maria Rosa Giusa, Antonio Viola, Vincenzo Calì. La delibera è stata dichiara immediatamente eseguibile. La commissione dura in carica cinque anni, ma i membri eletti dal consiglio comunale decadono dopo la scioglimento del consiglio e si procede a nuova elezione ed avranno durata fino alla chiusura della legislatura per il tempo restante.
La commissione esprime parere obbligatorio ma non vincolante sui seguenti provvedimenti: a) Proposto di modifica o integrazione del regolamento cimiteriale. b) Revoca o decadenza delle concessioni di tombe private, c) Contenzioso tra i privati o fra privati e comune sulle modalità di utilizzazione di gestione delle tombe; d) Pareri su richieste del sindaco; e) parere preventivo su progetti e varianti.
Giuseppe Carà

sabato 14 gennaio 2017

SAGGIO DI ANGELO MADDALENA SU UN VIAGGIO IN ARGENTINA - 14 gennaio 2017


“Buenos Aires stupor tour: memoria è presente!”. Libro illustrato del pietrino  Angelo Maddalena

Lo scrittore Angelo Maddalena


PIETRAPERZIA. Ha visto la luce “Buenos Aires stupor tour: memoria è presente!” saggio illustrato di Angelo Maddalena, che  “parte” da Buenos Aires, dove ha trascorso un periodo breve e intenso a novembre del 2016,  e realizza un “carnet de voyage” ossia un diario illustrato, con disegni ed acquerelli, oltre che testi. Angelo Maddalena pietrino ha 44 anni e la sua vita è un continuo viaggio.

       “Coltivo  - afferma Angelo Maddalena - questa arte e questo genere letterario da circa dieci anni e risale alla tradizione del Grand Tour dei secoli XVIII e XIX: un esempio tra i più importanti ed il Viaggio in Italia di Goethe. Ho in cantiere un libro illustrato, già fatto  su “un viaggio in Sicilia sulle orme di Goethe”. Questo saggio del viaggio in Argentina è il primo che pubblico illustrato ed è anche autoprodotto. Il libro è un diario di un viaggi, ma anche un reportage: appunti di viaggio e una ricerca di qualcosa che sembra indefinito, ma che man mano che procede il viaggio, trova due punti di riferimento: il riscatto della memoria dei desaparecidos della dittatura militare argentina tra il 1976 e il 1983”.

“Oggi, grazie alla presidente Cristina Chirchener,  - continua Anelo Maddalena - esiste un museo della memoria e molti generali responsabili di torture e omicidi sono stati arrestati. Ho scoperto queste cose cammin facendo e le ho raccontate anche attraverso vignette e fumetti, disegni e acquerelli. Anche la testimonianza delle madri dei desaparecidos argentini l’ho raccolto e illustrato ad acquerello, così come ho disegnato e dipinto volti, paesaggi caratteristici e momenti di vita quotidiana della Buenos Aires di oggi”.

“Ho documentato – continua Maddalena - gli umori e i timori di forme di repressione attuate dal presidente Macri, in carica da un anno in Argentina: dall’arresto di Milagro Sala, per la quale anche il Papa e l’ONU hanno chiesto la liberazione, ad altri aspetti “inquietanti” di questo nuovo governo dell’Argentina. Già avevo scritto a fine anni ’90 articoli sulla riapertura dei processi ai generali della dittatura argentina da parte di parenti italiani di desaparecidos e un articolo sulle madri di “Plaza de Mayo”.

“Con questo libro - conclude Maddalena -  ho fatto chiarezza dopo vent’anni di un dato storico,  Buenos Aires, che ho scoperto camminando e dipingendo; ho rilevato che la memoria è presente. Interessanti gli incontri magico - provvidenziali che partono dall’incontro sull’aereo da Milano a Buenos Aires con due donne del Trentino, fino agli incontri a Buenos Aires, colorati da poesia, autoironia e provvidenza! Il libro è autoprodotto ed ha avuto ottima ridondanza”.

Giuseppe Carà